Blog

Piante da interno: quali scegliere per la tua casa?

piante da interno

Se anche tu come me ami le piante da interno e vuoi capire come scegliere quelle perfette per la tua casa, in questo articolo ti mostrerò come fare.

Le piante infatti donano a ogni ambiente un tocco davvero speciale, ma:

– non tutti purtroppo siamo naturalmente dotati del tanto desiderato pollice verde (che tuttavia si può allenare);

– a seconda dello spazio che hai a disposizione e del risultato che vuoi raggiungere, dovrai scegliere il tipo di pianta più adatto alla tua casa.

Quindi, in questo articolo ho selezionato per te 4 tipologie diverse di piante da interno, a seconda di dimensioni, caratteristiche, cure di cui necessitano, in modo da scegliere quelle perfette per te e i tuoi spazi.

Pronto a scoprirle? Iniziamo!

Tipologia 1) Le piante da interno per chi ha il pollice nero.

Lo ammetto, io per prima sono naturalmente dotata di pollice nero. Nel tempo ho scoperto i miei errori  e sto molto migliorando.

Più che dimenticarmi di innaffiare le mie piante, come a molti capita, facevo l’esatto opposto. Presa dall’ansia e dalla paura di dimenticarmene, le innaffiavo troppo spesso, facendo ancora più danni (anche a te è capitato per caso o sono l’unica?)

Se quindi anche tu non sei un agronomo professionista, ma non vuoi rinunciare alle piante da interno per rendere più bella e accogliente la tua casa, ti consiglio di orientarti sulle piante grasse o le graminacee.

Tutti sappiamo che le piante grasse sono molto resistenti e non necessitano di grandi attenzioni. Tuttavia, non piacciono proprio a tutti. Alcune infatti hanno quella superficie un pò “pelosa” e piena di spine che può risultare poco gradevole da vedere o toccare.

Mi ricorderò per sempre i cactus della mia vicina di casa quando ero piccola. Ogni volta che attraversavo il giardino per entrare in casa mia, mi si attaccavano miliardi di spinette pelose sui pantaloni. D’estate direttamente sulle gambe, un vero divertimento toglierle una per una.

Per fortuna esistono alcuni esemplari davvero molto belli ed eleganti (e senza spine) che ti consiglio di valutare per la tua casa, senza doverti preoccupare troppo della loro cura. 

Le mie preferite sono Aloe, Agave, Zamioculcas e Sansevieria. Queste ultime due sono davvero stupende, ottima resa e pochissima preoccupazione. 

Come alternativa alle piante grasse puoi optare per le graminacee, anch’esse molto resistenti, di grande impatto scenico e facili da mantenere. Quelle che amo di più, per il loro aspetto morbido e spumoso, sono la Stipa Tenuissima e la Cortaderia.

Tipologia 2) Gli “alberi” da appartamento.

Se hai molto spazio a disposizione, puoi orientarti sulle piante da interno più grandi e maestose, che raggiungono fino i due metri di altezza.

Questi “alberi” da appartamento, come mi piace chiamarli, sono davvero elegantissimi e capaci di arredare interi angoli di casa da soli. Sono perfetti nelle case molto essenziali, per caratterizzare le zone vuote attraverso grande macchie verdi.

Tra i più belli ti consiglio Ficus, KenziaAreka, DracenaSchefflera (quest’ultima l’ho scelta anche io per casa mia e mi sta dando grandi soddisfazioni).

Vuoi una casa più bella, comoda e accogliente? Scarica la guida in regalo qui.

3) Le piante da interno più decorative

Se invece sei in cerca di piante da interno di grande effetto, ma non hai tanto spazio a disposizione, puoi orientarti sugli esemplari più decorativi posizionati all’interno di piccoli vasi.

Le piante più piccole possono essere messe  un pò dappertutto, occupano poco spazio e donano alla casa molta allegria. Puoi sistemarle in piccoli gruppi su un tavolo o un mobile particolare, scegliendo diversi vasi che ben si abbinano tra loro.

Tra le più in voga di questa tipologia: Pilea, Clorofito, Fenestraria, Asparagina, Crassula. Ma anche le piccole piante grasse da vaso.

4) Le piante essiccate.

In alcune zone della casa è davvero difficile (se non impossibile) far crescere una pianta sana e rigogliosa.  Soprattutto  a causa della mancanza di luce.

E’ il caso dei corridoi, ingressi o disimpegni poco illuminati. Se non vuoi rinunciare a un tocco di verde e allegria in questi ambienti, puoi utilizzare le piante essiccate.

Nonostante negli ultimi anni anche le piante finte abbiano assunto un aspetto sempre più simile a quelle reali, continuano a non convincermi pienamente. Nella maggioranza dei casi, infatti, si vede che in fondo sono fatte di plastica…

Come ovviare al problema? Puoi scegliere fiori e piante dal fusto lungo essiccate, che spesso vengono colorate dopo l’essiccazione per mantenere un effetto vivace e allegro. Le puoi posizionare in alti vasi di vetro o ceramica per avere un tocco di verde anche negli ambienti più difficili.

E tu? Quali piante hai in casa?

Conosci qualcuna di quelle che ti ho suggerito o ne hai altre tra le tue preferite?

Fammelo sapere nei commenti qui sotto e, se non l’hai ancora fatto, scarica qui la mia guida in regalo dove troverai gli altri consigli fondamentali per rendere più bella e accogliente tutta la tua casa.

 

Comments

comments