Una cucina comoda e bene organizzata è fondamentale per vivere al meglio questo spazio e svolgere le attività di tutti i giorni senza fatica.

Tuttavia, non sai quante cucine davvero scomode e male organizzate vedo in giro! Di quelle che, invece di farti venire voglia di cucinare, te la fanno passare completamente.

Purtroppo moltissime persone sottovalutano l’importanza di avere una cucina comoda e davvero funzionale.

Si concentrano sull’aspetto estetico,  sul modello delle ante o sul colore da scegliere (importantissimi, per carità!), ma si dimenticano che in cucina bisogna stare anche e soprattutto molto comodi.

Perché sì, in cucina ci lavori, ti muovi, svolgi diverse attività. E tutto deve essere studiato e organizzato per renderti la vita più facile, non per farti venire il mal di schiena.

Quindi, se stai pensando di rinnovare o riorganizzare la tua cucina, ho preparato per te 3 regole basilari da seguire, che ti aiuteranno ad ottenere una cucina comoda, funzionale e perfettamente organizzata.

Regola 1 per una cucina comoda: il triangolo delle funzioni

Il triangolo funzionale è la prima cosa che devi considerare per una cucina davvero comoda.

Questa regola ha a che fare con le attività che svolgi al suo interno. 

Ti permette di organizzare gli spazi e la posizione di ogni elettrodomestico nel modo migliore, per svolgere le tue attività nel modo più facile possibile.

Ma cos’è questo triangolo funzionale? E come si ottiene?

Considerando la pianta della cucina, traccia un triangolo che ha come vertici il frigorifero, il lavello e il piano cottura. (Tra parentesi, per il piano cottura, valuta un modello a induzione, molto più comodo da pulire).

Ad eccezione delle cucine lineari, dove gli elettrodomestici sono ovviamente disposti uno di seguito all’altro, è sempre possibile tracciare questo triangolo “ideale”. Sia che la cucina sia a “L”, a “U”, a penisola o con i mobili posizionati sui due lati opposti.

Il triangolo, in pratica, segna i movimenti che compi per spostarti tra i 3 punti più utilizzati di questo ambiente.

Non deve essere troppo grande, perché significherebbe avere troppa distanza tra un elettrodomestico e l’altro.

Inoltre, deve essere privo di ostacoli, per permetterti di muoverti in maniera agevole.

VUOI UNA CASA PIU’ BELLA, COMODA E ACCOGLIENTE? ACCEDI ALLE GUIDE PRATICHE IN REGALO PER TE CLICCANDO QUI

Regola 2: i pieni e i vuoti del piano di lavoro

Questa regola seconda regola molto importante ti permette invece di organizzare il piano di lavoro al meglio.

La soluzione ottimale in cucina è avere sempre tra due zone “piene”, quindi occupate da lavabo, piano cottura, frigo o dispensa, una zona vuota utile per appoggiare utensili, piatti, stoviglie e per lavorare comodamente.

In questo modo potrai appoggiare utensili ed elettrodomestici, tagliare, impastare, cucinare in maniera più comoda.

Ad esempio, hai appena tolto una pentola dal fuoco e devi appoggiarla da qualche parte?

Il piano a fianco del fornello è il posto più vicino, comodo e sicuro da raggiungere.

Stai lavando e tagliando le verdure per la cena?

Certo vicino al lavabo deve esserci uno spazio sufficiente per appoggiare comodamente il tagliere e raggiungere il lavello in modo pratico e veloce.

Regola 3: gli spazi di apertura degli elettrodomestici

Come ultima regola, presta grande attenzione a tutti gli spazi necessari per l’apertura degli elettrodomestici.

Come il forno, la lavastoviglie, il frigorifero, o cassettoni particolarmente ingombranti.

Credi che sia una regola banale? Niente affatto! Vedo un sacco di cucine dove per aprire il forno o un cassettone devi diventare un contorsionista o rischi di rimanere letteralmente schiacciato tra un pensile e l’altro.

Non è nemmeno bello trovarsi con lavastoviglie che sbatte contro il tavolo, o non riuscire ad aprire comodamente il forno perché c’è qualche altro arredo posizionato male!

Fai molta attenzione a tutti questi dettagli. Se tutti i movimenti e gli spazi di apertura non sono ben studiati, rischierai di ritrovarti con i mobili che non si aprono comodamente.

Ecco un esempio di cucina comoda e bene organizzata.

Con uno studio attento del triangolo delle funzioni, degli spazi di lavoro e di tutti i movimenti e le aperture degli elettrodomestici.

Riassumendo, se vuoi una cucina comoda e funzionale, ricordati questi tre aspetti:

Verifica che il triangolo delle funzioni ti permetta di muoverti comodamente tra frigo, lavabo e piano cottura;

Fai attenzione agli spazi vuoti necessari per lavorare al meglio sopra il piano;

Controlla gli spazi di passaggio che restano con le aperture di tutti gli elettrodomestici

Ricordati, queste sono la base di partenza. Solo dopo portai pensare al modello della tua cucina, al colore, a tutti gli accessori e a come personalizzarla al massimo.

Se vuoi conoscere tutti gli altri aspetti fondamentali per rendere tutta la tua casa più bella e accogliente senza sottovalutare proprio nulla, ricordati di scaricare la guida pratica in regalo per te qui.

ACCEDI A TUTTI I REGALI PER TE CLICCANDO QUI