Blog

Come organizzare una cucina funzionale? 7 regole pratiche

come organizzare una cucina funzionale

Come organizzare una cucina funzionale, comoda, che ti faccia sentire bene e ti permetta di vivere questo spazio così importante di casa in totale benessere e relax?

Oggi ti parlo di sette regole molto importanti. Ti avevo già mostrato altri tre aspetti fondamentali da considerare in questo post, se vuoi approfondire l’argomento su come organizzare una cucina funzionale.

Inoltre, se non lo hai ancora fatto, ti ricordo di scaricare qui la guida in regalo per te, che ti aiuterà a rendere tutta la tua casa più bella, comoda e accogliente seguendo i principi fondamentali della bellezza, dell’armonia e del benessere di casa e senza sottovalutare alcun aspetto.come organizare una cucina funzionale

Fatto? Bene, ecco allora come organizzare una cucina funzionale in sette semplici passi.

Se li segui tutti quanti, avrai una cucina davvero comoda e perfettamente organizzata.

Inoltre, ho inserito anche qualche suggerimento su come comporre e disporre gli spazi all’interno della cucina per fare in modo che sia, oltre che funzionale, anche bellissima e davvero elegante.

Ecco quindi come fare, in pratica.

Come organizzare una cucina funzionale? Regola 1: frigo, fuochi e lavabo vanno alla giusta distanza.

In una cucina davvero comoda, i fuochi, il lavabo e il frigorifero devono essere posizionati in modo tale da permetterti di passare da una postazione all’altra in modo rapido, agevole e soprattutto privo di ostacoli.

Quindi, evita di mettere la colonna dedicata al frigorifero o al forno troppo distante dal piano di lavoro. O, ancor peggio, sulla parete opposta.

Inoltre, fai in modo che non ci siano ostacoli per raggiungerla.

Per farti un esempio pratico, prova a pensare: per muoverti dal lavandino, ai fornelli al frigorifero, devi per caso circumnavigare un tavolo, un’isola, una penisola o qualche altro arredo? In questo caso, ecco, la disposizione degli arredi non è per niente comoda e per niente funzionale. 

Inoltre, chiediti: quanto sono distanti tra loro queste tre postazioni? Devi fare più di due o tre passi per raggiungerle? Se la risposta è sì, allora sono troppo distanti, e la comodità di utilizzo della tua cucina ne risentirà notevolmente.

Quindi ricorda: fuochi, lavabo e frigorifero sono le postazioni più utilizzate in cucina, e devono essere:

  • facilmente accessibili
  • ben collegate tra loro
  • a una distanza non eccessiva

Come organizzare una cucina funzionale? Regola 2: la giusta altezza delle basi e dei pensili.

Il secondo consiglio che voglio darti su come organizzare una cucina funzionale riguarda l’altezza del piano di lavoro e quella dei pensili dedicati al contenimento.

L’altezza standard delle basi, solitamente, è intorno ai 90 centimetri. Tuttavia, ti consiglio di considerare l’altezza di chi, effettivamente, lavora maggiormente in cucina.

E, a seconda dei casi, pensare ad un piano di lavoro all’altezza giusta.

Come regola generale, puoi considerare questo. Per lavorare comodamente sul piano, non dovresti né piegare la schiena, né dover allungare troppo le braccia. In questo modo la tua cucina sarà davvero ergonomica e non rischierai di affaticarti.

Per quanto riguarda i pensili, invece, ti consiglio di posizionarli ad un’altezza di almeno 50-55 cm dal piano di lavoro.

Infatti, se la distanza tra il piano e i pensili è scarsa, rischi di affaticarti anche nelle attività quotidiane più semplici: da scolare la pasta, a utilizzare gli elettrodomestici sul piano, a muoverti senza sbattere contro i pensili sopra di te.

Come organizzare una cucina funzionale? Regola 3: la composizione ideale va “da muro a muro”, senza interrompersi.

Ed ecco invece un consiglio pratico su come organizzare una cucina funzionale che prende in considerazione anche l’aspetto puramente estetico.

Se stai pensando di rinnovare la cucina, sicuramente ti starai chiedendo: come la faccio? Lineare, ad angolo, a isola, a penisola?

Inizia da questo consiglio. Se puoi, cerca di evitare di interrompere la cucina. Quindi, individua la parete libera più lunga, non interrotta da porte o porte-finestre. Se hai due pareti vicine con queste caratteristiche, ancora meglio. Posiziona su queste due pareti la tua cucina.

La composizione, infatti, è più elegante se non viene interrotta a metà. Quindi sarebbe meglio evitare di lasciare a vista il fianco delle basi o dei pensili, che dovrebbe invece scomparire contro al muro. 

Se hai una finestra, va benissimo posizionare la tua cucina anche lungo quella parete. Andrà però verificato che la finestra in questione sia sufficientemente alta.

Inoltre, se posizioni il lavello sotto la finestra, assicurati che non ne impedisca l’apertura. Nel caso, puoi scegliere un rubinetto reclinabile quando la apri e la chiudi.come organizare una cucina funzionale

Come organizzare una cucina funzionale? Regola 4: cosa vedi quando entri?

Se mi segui da un pò, mi avrai sentito dire ormai mille mila volte che il colpo d’occhio, in ogni ambiente di casa, è davvero fondamentale.

Non solo da un punto di vista estetico. Il colpo d’occhio influisce anche sulle sensazioni che ci trasmette ogni ambiente di casa.

Quindi, questa regola vale anche in cucina.

Cosa vedi appena entri? I piatti sporchi lasciati sul lavello? O qualcosa di più gradevole, come il tavolo da pranzo illuminato da una bella lampada, un contenitore, il frigo o una bella stampa sulla parete?

Cerca di coprire al primo sguardo tutto ciò che crea disordine visivo. Questa regola è ancora più importante quando si tratta di una cucina inserita in un ambiente open space.

Se vuoi saperne di più su come separare cucina e soggiorno in un open space senza realizzare pareti, in modo elegante e funzionale, puoi leggere anche questo articolo.

In questo caso, infatti, il progetto dello spazio va studiato con grandissima attenzione per rendere il tutto impeccabile e davvero elegante, senza rischiare di ottenere un effetto sgradevole e disordinato.

Come organizzare una cucina funzionale? Regola 5: contenimento, tanto contenimento!

La quinta regola su come organizzare una cucina funzionale riguarda lo spazio da dedicare ai contenitori.

L’organizzazione ottimale dello spazio a casa è davvero di vitale importanza, e in cucina serve tantissimo spazio per contenere ed evitare disordine.

Quindi, evita di lasciare troppe zone vuote. A meno che la tua cucina non sia davvero molto grande, cerca di sfruttare ogni centimetro, anche in altezza.

Se utilizzi dei pensili che arrivano fino al soffitto, il risultato sarà elegantissimo. E lo spazio sfruttato al massimo.

In commercio esistono ormai moduli contenitori piuttosto alti, ma se non li trovi puoi sempre pensare di realizzarli su misura, per un risultato davvero impeccabile.

Poi, ricorda: luce e aria sono fondamentali!

Sesta regola su come organizzare una cucina funzionale. Non sottovalutare la perfetta illuminazione e ventilazione dell’ambiente.

La luce è fondamentale sia per creare l’atmosfera giusta, sia per lavorare comodamente e senza affaticare la vista. 

Illumina molto bene il piano di lavoro e il tavolo da pranzo, se è all’interno della cucina stessa.

Fai anche attenzione al colore della luce che scegli, te ne avevo già parlato in questo post, se vuoi approfondire.

Inoltre, cerca di posizionare i fuochi non troppo distanti dalla finestra. Ovviamente la cappa di aspirazione ti aiuterà a smaltire gli odori, ma la ventilazione naturale vince su quella meccanica, non c’è storia.

Quindi evita di posizionare forno e fornelli in un angolino cieco lontanissimo dalla finestra, per evitare il ristagno degli odori o la creazione di muffe e condense.

Infine: i percorsi e gli spazi di movimento.

L’ultima regola su come organizzare una cucina funzionale riguarda i percorsi e gli spazi di movimento.

I percorsi in ogni ambiente di casa sono molto importanti per muoversi comodamente. La cucina ovviamente non fa eccezione.

Ricorda di considerare tutti gli spazi necessari ai movimenti per posizionare correttamente gli elettrodomestici, il tavolo, le sedie e gli altri contenitori. Anche quelli per aprire e chiudere le ante, il forno, la lavastoviglie, per spostare le sedie quando ti alzi e ti siedi, aprire e chiudere frigo, colonne e pensili vari.

Sembrano accorgimenti banali, ma spessissimo anche i negozi di arredamento li sottovalutano e se ne dimenticano! Col risultato che ti ritrovi una cucina dove sbatti dappertutto e non riesci ad aprire tutti i pensili. E non mi pare proprio il caso, che dici?

Riassumendo, come organizzare una cucina funzionale?

  • Frigo, lavabo e fuochi vanno posizionati alla giusta distanza, e il passaggio tra uno e l’altro deve essere privo di ostacoli
  • Basi e e pensili devono avere un’altezza comoda, per permetterti di lavorare senza affaticare la schiena e senza sbattere contro i pensili sopra il piano di lavoro
  • Se puoi, cerca di realizzare una composizione “da muro a muro”, senza interrompere la cucina a metà. Il risultato sarà molto più elegante
  • Il colpo d’occhio è fondamentale. Fai in modo che le zone più soggette al disordine non siano di fronte alla porta di accesso
  • Sfrutta ogni centimetro a disposizione, anche in altezza. Con dei pensili alti o soluzioni su misura
  • Fai attenzione alla ventilazione naturale e alla corretta illuminazione. Non posizionare forno e fornelli troppo distanti dalle finestre. Illumina bene il piano di lavoro e il tavolo
  • Verifica che tutti i percorsi per muoverti da un punto all’altro siano comodi e sicuri, e verifica gli spazi di apertura di tutti gli elettrodomestici e degli arredi

Voilà, ed ecco la tua cucina perfettamente organizzata in sette passi. Mi raccomando, ricordati queste regole e non sottovalutarle! Sono semplici, ma non sempre facili da realizzare senza sbagliare.

Se, oltre a come organizzare una cucina funzionale, vuoi conoscere le altre regole pratiche per creare bellezza, armonia e benessere reali in casa tua, scarica la guida in regalo per te qui, che ti spiega come fare, se invece vuoi che ti aiuti a rinnovare la tua cucina, un’altra stanza o tutta la tua casa senza fare errori, scopri Restyling Facile qui.

come organizzare una cucina funzionale

 

Comments

comments