Blog

Bagno in camera da letto: ecco tutti i pro e i contro

bagno in camera da letto

Stai pensando di realizzare un bagno in camera da letto?

Bene! Ma prima di lanciarti a scegliere già le piastrelle, i sanitari e partire con pratica edilizia, leggi attentamente questo articolo fino in fondo, dove ti invito a riflettere su ciò che devi valutare prima con molta attenzione.

Infatti, se per molti il bagno in camera da letto è un grande sogno, devi sapere che non è sempre la soluzione ideale. Soprattutto in alcuni casi particolari che ti mostrerò tra poco.

Ecco perché ho deciso di spiegarti in questo post tutti i pro e i contro di questa soluzione, in modo che tu possa valutare attentamente e con reale consapevolezza tutto ciò che ti serve sapere prima di iniziare qualsiasi intervento.

Pronta, pronto a scoprili?

Prima di cominciare ti ricordo di scaricare la guida pratica in regalo per te, che ti aiuterà a rendere tutta la tua casa più bella, comoda e accogliente senza sbagliare, applicando tre regole molto importanti dell’interior design di casa.

I pro del bagno in camera da letto.

Primo tra tutti i vantaggi, c’è indubbiamente quello di avere a disposizione un bagno in più per tutta la famiglia.

Se infatti vivi in una casa con più di due persone, un bagno aggiuntivo fa sicuramente molto, ma molto comodo.

Inoltre, l’uso esclusivo di un bagno è un valore aggiunto alla stanza che serve, a patto che segui alcune indicazioni che ti mostrerò tra poco.

Il bagno in camera da letto può infatti diventare la tua piccola spa personale. Se lo spazio a disposizione lo consente, potrai inserire una bella vasca idromassaggio, una comoda doccia per i tuoi momenti di relax. Oppure attrezzarlo come preferisci per trasformarlo nella tua stanza dedicata al benessere.

Il secondo punto a favore del bagno in camera da letto riguarda sicuramente la privacy.

La maggiore riservatezza è garantita dal fatto di essere separato dagli altri ambienti. Senza il rischio che qualcuno entri per sbaglio o la scocciatura di doverti vestire per spostarti in bagno se nel frattempo sono arrivati ospiti.

Terzo punto favorevole al bagno in camera da letto: il valore che acquisterà la casa nel complesso.

Se guardiamo infatti alla nostra casa anche anche come oggetto immobiliare, il fatto di avere un bagno ad uso esclusivo è sicuramente un grande valore aggiunto.

Se in futuro vorrai rivenderla, infatti, il suo valore di mercato sarà con molta probabilità maggiore rispetto a quello a cui l’hai acquistata.

E passiamo quindi ai contro del bagno in camera da letto.

Esistono anche dei contro? Sì, e te li spiego subito.

Nel corso della mia esperienza professionale, mi sono resa contro che molte persone si lanciano in soluzioni dettate da mode o pubblicità senza valutare prima, e molto attentamente, se è possibile realizzarle e come, per fare in modo che funzionino alla perfezione.

In questo caso particolare, considera che il bagno in camera da letto è, a tutti gli effetti, una piccola stanza in più da aggiungere, e non sempre è possibile o consigliabile. Non ad esempio se rischi di togliere troppo spazio alla camera stessa, oppure ad altre zone molto importanti della casa, come il soggiorno.

Un punto decisamente a sfavore del bagno in camera da letto, quindi, è in tutti quei casi in cui viene a ridursi eccessivamente lo spazio dedicato alle altre attività.

Potresti anche realizzare un bagno bellissimo, ma…se poi non ti rimane spazio per mettere il letto in camera e muoverti comodamente, che te ne farai di quel bagno in più?

O se il soggiorno diventerà un angolo buio e angusto, sei proprio sicura, sicuro, che sia la soluzione ideale?

Un ottimo progetto, funzionale e studiato nei minimi dettagli, ti consente di evitare questo pericolo.

Ricorda inoltre che ogni ambiente di casa deve rispettare delle normative ben precise riguardo a dimensioni e illuminazione minima da garantire.

Quindi, prima di realizzare il tuo bagno in camera da letto, dovrai valutare se è effettivamente possibile farlo, dal punto di vista tecnico, impiantistico, normativo e anche funzionale.

Il secondo punto a sfavore riguarda il rumore che può provocare il bagno, disturbando il tuo riposo. Soprattutto quello dello scarico dei sanitari.

Se quindi i sanitari del nuovo bagno saranno posizionati sulla parete in comunicazione con la camera, assicurati di non posizionare il letto su quella stessa parete. O rischierai di compromettere il tuo riposo se qualcuno utilizzerà il bagno durante la notte.

Infine, realizzare un bagno in camera da letto può diventare una soluzione sfavorevole se il bagno in questione è l’unico in tutta la casa.

Non è certo bello costringere tutta la famiglia o, ancora peggio, gli ospiti, a passare per la camera per utilizzare il bagno.

Quindi, ricordati: sì, ma solo se è il secondo bagno!

Ti consiglio a tal proposito di leggere anche questo articolo che ti spiega come realizzare il secondo bagno in casa senza sottovalutare nulla anche dal punto di vista tecnico e normativo.

Riassumendo:

I pro del bagno in camera da letto: un bagno in più fa sicuramente molto comodo, ti permette di avere una maggiore privacy e valorizza la casa anche dal punto di vista immobiliare.

I contro del bagno in camera da letto, invece, vanno valutati attentamente. Fai attenzione alla fattibilità dell’intervento, alle normative e preservare la comodità del resto della casa. Inoltre, se puoi, evita di posizionare il letto sulla parete comune tra bagno e camera. Infine, via libera al bagno in camera solo se in casa ne hai già un altro. 

Voilà, ecco i miei consigli sull’argomento. Hai altre domande da farmi? Lascia un commento qui sotto o scrivimi nella sezione contatti del blog. Sarò felice di rispondere anche a te.

Se oltre ai pro e i contro del bagno in camera da letto, vuoi conoscere le altre regole fondamentali per rendere tutta la tua casa più bella, comoda e accogliente senza sbagliare, sia che tu voglia fare piccoli cambiamenti, sia che tu voglia ristrutturarla, ricordati di scaricare la guida qui sotto: è in regalo!

Comments

comments